GESTIONE E CONTROLLO DELLA QUALITA’ NELL’AZIENDA MANIFATTURIERA

Se le aziende manifatturiere si fermassero un momento ad analizzare quanto costa oggi la “non qualità” e, di conseguenza, quanto risparmierebbero se riuscissero ad anticipare le “non conformità” rispetto agli standard qualitativi durante il ciclo produttivo, siamo convinti che installerebbero subito Gea Quality.

A causa dell’elevata frammentazione degli articoli, questa importante attività non è più delegabile alla pur profonda esperienza della singola persona: la qualità è OGGETTIVA e MISURABILE, per cui, se le aziende vogliono avere risultati tangibili, si devono organizzare con strumenti adeguati: Gea Quality è la risposta a questa esigenza.

Con Gea Quality potrai:

  • controllare la qualità durante il processo produttivo e/o sui semilavorati e/o sul prodotto finito.
  • creare la Check list delle verifiche abbinando alle stesse immagini, filmati, ecc.., da proporre alla postazione di controllo (GATE).
  • rilevare le “non conformità” dai GATE che potranno essere dotati di device di vario tipo (monitor touch screen, tablet, comuni PC).
  • informare, con mail generate in automatico, i responsabili in caso di rilevamento di non conformità “ripetute” sullo stesso modello (incidenti di produzione).
  • ottenere statistiche varie sulle non conformità e sulle performance qualitative dei tuoi collaboratori esterni.

Introduzione alla gestione della qualità con Gea Quality

L’obbiettivo del modulo Gea Quality è quello di gestire il controllo qualità nelle realtà di produzione calzature. Il modulo Gea Quality si interfaccia con l’ERP Gea Calza condividendo con esso tutte le informazioni utili alla gestione del processo (anagrafica degli articoli, bolle di lavorazione…).

Gea Quality guida gli operatori a eseguire i controlli corretti in funzione del tipo prodotto e a inserire a sistema le eventuali non conformità che ne conseguono, sia lungo il processo di produzione che sul semilavorato / prodotto finito.

Il controllo sul semilavorato / prodotto finito può avvenire sia nel caso che questo provenga da un lavorante esterno sia nel caso in cui provenga da un reparto interno all’azienda.

Le postazioni fisiche in cui il controllo viene effettivamente eseguito vengono denominati “Gate”. Di conseguenza un gate è un’area dotata di uno o più device (in funzione del numero di operatori contemporaneamente adibiti al controllo su quella postazione) dotati di software per la rilevazione, con il quale sarà possibile eseguire le seguenti operazioni:

  • Data una bolla di lavorazione, visualizzare l’insieme delle verifiche (checklist) da eseguire sull’articolo relativo e la eventuale documentazione tecnica in cui vengono specificate le modalità con cui eseguire i controlli;
  • Registrare le non conformità derivanti da controlli, ove rilevate.

L’applicativo al gate sarà ottimizzato per device mobili (tipicamente tablet Android); dispositivi di questo tipo possono essere legati in modo statico ad una postazione fisica (magari fissati ad un supporto) oppure dati in dotazione al singolo operatore che quindi potrà adoperarli su gate diversi in funzione della propria mansione del momento.

Sui gate che coincidono con le postazioni su cui viene chiusa una determinata fase di lavorazione, al termine del controllo di una bolla potrà essere eseguito l’avanzamento della fase di lavorazione sull’ERP aziendale.

L’avanzamento produzione avverrà in tempo reale. Verrà gestito il tempo per l’attività di controllo.

Saranno gestiti dei meccanismi di notifica automatica e-mail: le notifiche verranno inviate agli utenti interessati allo scatenarsi di eventi di particolare gravità durante il controllo (ad esempio il ripetersi oltre certe soglie di particolari non conformità) e quando necessario tali situazioni saranno anche direttamente evidenziate all’operatore che sta lavorando.

Gea Quality prevede inoltre l’implementazione di un apparato di moduli di back office atti alla preparazione e alla manutenzione dei dati utilizzati in linea di produzione (sistema degli accessi, anagrafiche di base, checklist di controllo…). Tutti i moduli di back office saranno ottimizzati per l’utilizzo su PC o notebook.

Analisi del flusso di back office

Il ruolo principale della sezione di back office è quello di produrre e manutenere le checklist di controllo e definire le modalità con cui il controllo stesso verrà effettuato nei vari reparti, definendo il numero e la tipologia dei gate di rilevazione.

Per quanto riguarda la gestione delle checklist, i moduli interessati saranno i seguenti:

  • Anagrafica Articoli
  • Anagrafica Verifiche (o Checklist Generale)
  • Anagrafica Gate
  • Checklist specifica

 

Anagrafica Verifiche

Sarà fornita una versione precaricata dell’anagrafica verifiche. Concettualmente può essere identificata come la “Checklist generale”, in quanto è l’elenco di tutti i controlli di qualità possibili, indipendentemente dalle caratteristiche dell’articolo e del gate.

 

Anagrafica Gate

Il gate identifica la singola postazione fisica di esecuzione delle verifiche sul prodotto e di rilevazione delle relative non conformità.

Tipologia del gate

Gate di Semilavorato / Prodotto finito: questi gate sono le postazioni dove vengono controllati semilavorati rientranti da uno o più lavoranti esterni e/o provenienti da uno o più reparti interni all’azienda, oppure i prodotti finiti nella fase di collaudo.

 

Checklist Specifica

Con la Checklist Specifica si determina l’insieme delle regole, sfruttando il quale, il sistema propone all’operatore la lista dei controlli da fare al suo gate.

Esiste una ed una sola checklist specifica, che contiene tutte le informazioni necessarie per gestire tutte le casistiche che ad oggi si è scelto di gestire nel software Gea Quality.

In funzione di un’impostazione di configurazione generale, sulla checklist si potranno impostare le regole che restringono l’elenco dei controlli anche sulla base delle caratteristiche tecniche dell’articolo (attributi).

Dal punto di vista dell’operatività, l’utente che andrà a configurare la checklist vedrà a video una griglia che ha tante righe quanti sono i gate definiti, e tante colonne quante sono le verifiche attive in anagrafica; operando sulla griglia si potrà associare o disassociare le verifiche ai gate.

Analisi del flusso di front office

Il controllo qualità in linea di produzione si potrà effettuare su device mobili con schermi compresi tra gli 8 e i 10 pollici. Per la tecnologia di sviluppo utilizzata, il controllo potrà essere effettuato utilizzando anche pc desktop.

La quantità da controllare sarà proposta in automatico dal sistema, sulla base di un meccanismo di calcolo utilizzando le tabelle AQL incrociandole magari con un sistema legato alla classificazione dei lavoranti (forzando un controllo 100%).

Per controllo si intende invece la sola messa a sistema della “non qualità”; in altre parole durante la fase di controllo al gate della bolla di lavorazione si inseriscono le sole non conformità rilevate e non si dichiara mai il fatto che un articolo ha passato tutti i controlli ed è quindi conforme.

  • Calcolo del tempo impiegato dall’operatore/i per effettuare il controllo sui pezzi di ciascuna bolla di lavorazione;
  • Viene data la possibilità di fotografare la non conformità;
  • Viene alimentato un database ai fini statistici per una analisi sulle non conformità rilevate dal reparto interno / lavorante esterno.

Controllo su semilavorato/prodotto finito

Quando il gate viene riconosciuto come di semilavorato / prodotto finito, il sistema prevede che l’operatore metta a disposizione del gate tutte le bolle che devono essere sottoposte a controllo per la fase (o le fasi) associate a quel gate.

Una volta “aggiunte le bolle al gate”, queste sono a disposizione di tutti gli operatori che fanno accesso a quel gate fino a che su queste non viene dichiarato completato il controllo. Questo per dare la possibilità a più operatori di dividersi il carico di lavoro di un gate.

Dal contenitore delle bolle aggiunte al gate e in attesa di controllo l’operatore ne sceglie una o più di una da prendersi in carico e procede al controllo (sempre però di una bolla alla volta), al termine del quale a seconda della configurazione del gate e dell’esito del controllo potrà avanzare la bolla per la fase (o le fasi) abbinata al gate.

Operazioni che si rendono possibili all’operatore

L’operatore potrà controllare sul dispositivo (tablet o desktop) l’elenco dei controlli da effettuare con proposto le possibili non conformità, e verrà data la possibilità di visualizzare eventuali immagini (foto; pdf; ecc.) associate ai singoli controlli.

Una bolla che presenti delle problematiche, ad esempio troppe non conformità rilevate o quantità mancanti rispetto a quanto dichiarato nel DDT del lavorante, potrà essere sospesa per poi essere ripresa e completata una volta che le eventuali situazioni anomale sono state risolte.

A fine controllo, se sono presenti difettosità potrà essere stampato un verbale; nel caso si stia effettuando il controllo su di un lavorante, il verbale anziché stampato verrà inviato via e-mail a una serie di destinatari predefiniti.

Un sistema di monitoraggio e registrazione di tutti i tempi di controllo.

Un sistema di notifiche automatiche per segnalare ai soggetti interessati alcune situazioni critiche (verificarsi di non conformità di particolare gravità, problemi nell’avanzamento delle fasi di lavorazione, scarto bolle o DDT lavoranti per accesso di non conformità…).

Oltre al tasto Chiudi bolla l’operatore avrà anche a disposizione un tasto Sospendi per bloccare il timer quando deve effettivamente interrompere l’attività (ad esempio per la fine della giornata lavorativa) ecc.

Configurazione di Gea Quality

La struttura di Gea Quality consente di “configurare” le tipologie di controlli che l’azienda decide di gestire quali:

  1. Kernel (struttura base)
  2. Materie prime
  3. Semilavorati
  4. Prodotto finito
  5. Processo (*)

 

(*) La tipologia Processo si distingue dalle altre perché, al suo interno, vengono definiti dei sottoprocessi che corrisponderanno ad un Gate, ognuno con una propria “checklist” (insieme di verifiche).

Qualsiasi tipologia di controllo ha come prerequisito il Kernel (struttura base); ogni tipologia può essere monitorata da un numero illimitato di “Gate”(postazioni di controllo) i quali saranno configurati per eseguire uno o più tipologie di controllo.

Tecnologia

Gea Quality è realizzato su tecnologia web-based per cui può essere utilizzato anche da remoto e su device di vario tipo (PC tradizionali, Tablet, Smatphone);

Ad un utente e password specifica corrisponderà la tipologia di controllo associata in fase di configurazione per cui un determinato utente potrà effettuare, ad esempio, solo il controllo sulle materie prime ed un altro solo sui semilavorati o entrambe a seconda della configurazione.

Gea Quality sfrutta la tecnologia Cloud e pertanto non necessita dell’acquisto di un server dedicato.

Il software Gea Quality Production ti permette di portare ai massimi livelli l’attività di gestione e controllo qualità della tua azienda. Puo essere impiegato in qualsiasi settore manifatturiero.

Scarica la brochure in PDF

La brochure del software Gea Quality Production

Contattaci per ulteriori informazioni

Nome (richiesto)

Azienda (se vuoi)

Città e provincia (se vuoi)

e-mail (richiesta)

Messaggio

Accetto la gestione dei dati personali (Leggi testo privacy)